www.taz.de (Deutschland), B

[…] In ihrer Schneewittchen-Installation öffnet die Gruppe Trickster-p vertikale und horizontale Assoziationsräume, statt sich auf eine eindeutige Nacherzählung des Märchens zu beschränken. Und sie wirft den Zuschauer aufsich selbst zurück, der in der Einsamkeit der einzelnen, wirklich engen Kammern schon einmal Platzangst bekommen kann. 35 Minuten dauert dieseeinzigartige Reise, 35 Minuten, die allein schon eine Reise nach Braunschweiglohnen.

Credits
Sponsor
Residenza alla Gessnerallee Zürich (settembre 2017)

Dal 18 al 24 settembre Trickster-p sarà in residenza alla Gessnerallee Zürich. La residenza a Zurigo sarà la prima residenza preparatoria per il progetto “Nettles”, prodotto da Trickster-p e LuganoInScena in coproduzione con Teatro Sociale Bellinzona, Theater Chur, ROXY Birsfelden, TAK Theater Liechtenstein, Triennale Teatro dell’Arte Milano che debutterà a Lugano nel mese di aprile 2018.

All this coming and going (agosto 2017)

Per tutto il mese di agosto 2017 Trickster-p sarà impegnato nella creazione di un progetto site specific per Aarhus Capitale europea della cultura 2017. Creato in stretta collaborazione con Gruppe 38 (Aarhus) e Terrapine (Tasmania) “All this coming and going” si svilupperà come installazione su uno dei moli del porto di Aarhus e verrà presentato al pubblico da mercoledì 30 agosto a sabato 2 settembre.

Trickster-p è stato insignito del Premio svizzero del teatro 2017

La cerimonia di consegna avrà luogo mercoledì 24 maggio presso il LAC Lugano Arte e Cultura di Lugano alla presenza del consigliere federale Alain Berset. La motivazione della giuria: «Interpretazioni spaziali precise e dettagliate, panorami sonori tridimensionali e una tecnica narrativa complessa e non lineare: l’esperienza che si vive durante una rappresentazione di Trickster-p è intensa e coinvolgente. Cristina Galbiati e Ilija Luginbühl, spinti da una curiosità implacabile e da un perfezionismo estetico assoluto, sono riusciti a sviluppare una forma artistica inedita. La fantasia dello spettatore, all’interno delle loro enigmatiche installazioni tra arte e teatro, interagisce in un mondo sospeso a mezz’aria con spazi e suoni sapientemente realizzati. I due artisti sviluppano tenacemente il loro stile inconfondibile in un luogo che rappresenta un punto d’incontro tra il teatro d’oggetto, la scenografia e la performance».