Rete Due (Svizzera), Book is a Book is a Book

[…] Lo spettatore è invitato a perdersi in questo libro così poco lineare, da una parte ad uscire dal libro stesso, ad ampliare sempre più il proprio sguardo mentale per collocarsi nel mondo, e dall’altra sprofondarsi sempre di più dentro se stesso, nella sua intima voce. Una sorta di libro infinito che ci rimanda alla “Biblioteca di Babele” di Borges.

portrait
Poetica

Nato dall’incontro di Cristina Galbiati e Ilija Luginbühl, Trickster-p è un progetto di ricerca artistica che si muove in un territorio di confine e contaminazione tra diversi linguaggi.
Dopo una prima fase imperniata su una specifica ricerca sulla centralità e la fisicità del performer, nel corso degli anni Trickster-p si è allontanato dal concetto di teatro in senso stretto per indagare possibili segni espressivi trasversali che, tanto concettualmente quanto formalmente, siano il risultato della commistione di strumenti artistici estremamente eterogenei.
La sua poetica è un invito allo spettatore ad aprire i propri spazi percettivi e a creare la propria realtà in un territorio di frontiera tra la visione interiore e la visione esteriore.
Fra le sue opere più significative vi sono performance e installazioni tradotte in numerose lingue e presentate in oltre 30 Paesi in Europa, Asia, Australia, America del nord e America del sud.
Oltre che nei lavori artistici, la vocazione sperimentale del progetto si è concretizzata nella creazione de ‘la casa del tabacco’, spazio di creazione e sperimentazione situato nel borgo di Novazzano, a pochi chilometri dal confine italo-svizzero.

 

Trickster-p gode del sostegno di Pro Helvetia – Fondazione svizzera per la cultura, Divisione della cultura del Canton Ticino, Città di Lugano, LAC Lugano, Municipio di Novazzano e di numerose fondazioni pubbliche e private.
Nel 2017 è stato insignito del prestigioso Premio svizzero del teatro; attualmente è compagnia residente al LAC Lugano.