Il Corriere del Ticino (Svizzera), Nettles

[…] Nettles unisce in maniera armoniosa e sorprendente un discorso sull’infanzia e sulla memoria ad una riflessione sulla morte e sulla sua quasi completa “assenza” nella società contemporanea. Al di là dell’aspetto drammaturgico Nettles è però anche e soprattutto una “macchina” che deve funzionare alla perfezione in ogni suo dettaglio tecnico e tecnologico per far sì che lo spettatore possa vivere nel migliore dei modi questa esperienza unica. Sotto questo punto di vista colpisce in particolar modo l’astrattezza, o forse meglio la nitidezza, delle varie ambientazioni che suggeriscono rimandi mai espliciti al testo lasciando così a ciascuno la possibilità di dar vita alle proprie immagini mentali. Luci, scenografie, colori, tessuti, profumi costituiscono una dimensione essenziale dell’esperienza, al pari dello spazio sonoro occupato con maestria dalla “musica che non suona come musica”.
Nettles costitiuisce dunque un ulteriore capitolo, perfettamente riuscito, nell’originalissimo percorso di Trickster-p, compagnia ormai inserita in maniera stabile nella rete internazionale del teatro contemporaneo, di cui ha saputo cogliere le caratteristiche peculiari mantenendo però al centro del discorso una dimensione personale ed affettiva più forte di quella di qualsiasi apparato tecnologico.

Credits
Sponsor
All this Coming and Going

Benvenuti sia all’interno che all’esterno.

Qui troverete paesaggi toccati dal passaggio di uno tsunami, la prima classe del Titanic, una danzatrice del ventre che seduce marinai e uomini di terra ferma, una biblioteca senza libri, l’ultimo viaggio, toni malinconici e lacrime silenziose, relitti abbandonati e grida gioiose.
Concepita come grande installazione per spazi esterni, All this Coming and Going è il frutto della collaborazione tra Teatret Gruppe 38 (DK), Trickster-p (CH) e Terrapin Puppet Theatre (AU) nell’ambito di Aarhus 2017 – Capitale Europea della cultura.
All’interno e attorno a 12 container, proiezioni, ombre e immagini in movimento svelano al pubblico ciò che è stato e ciò che verrà.
Attraverso storie e immagini che trattano del mare come dell’essere umano, l’installazione tratteggia l’oceano come una forza naturale estremamente potente capace nel contempo di disegnare e minacciare oggi come nel passato.

 

Entrare nello spazio di All this Coming and Going significa fare esperienza dell’oceano attraverso un prisma di immagini fantastiche e oniriche nel contempo lievi e violente, delicate e potenti. (Aarhus Stiftstidende, DK)
Un’esperienza olistica, in continuo cambiamento. C’è molto da vedere molto da sperimentare. (Kulturmor, DK)

Co-produzione
Gruppe 38
Trickster-p
Terrapin Puppet Theater
Trickster-p
Cristina Galbiati, Ilija Luginbühl
Gruppe 38
Bodil Alling, Søren Søndberg, Søren la Cour, Lars K. Olesen, Marie Netterstrøm, Ana Luiza Ulsig
Terrapine Puppet Theater
Sam Routledge, Matt Daniels, Josh Noble, Andrew MacDonald